×

Covid, esplosione di quarantene nelle scuole: il Comune mette a punto lo sconto mensa

La vicesindaca Scavuzzo: "È stato un periodo di grande fatica per le famiglie"

Sconti mensa nelle scuole di Milano: l'idea del comune

Il Comune di Milano è alla ricerca dell’idea perfetta per aiutare le famiglie che stanno vivendo un periodo molto complicato ed impegnativo a causa delle ripetute chiusure delle classi dovute ad Omicron.

Covid, sconto mensa: il rimborso per le famiglie

La vicesindaca, nonché assessora all’Educazione, Anna Scavuzzo afferma: “È un tema all’attenzione dell’Amministrazione su cui stiamo riflettendo, perché ci rendiamo benissimo conto di quanto questo sia un periodo di grande affaticamento per chi ha figli che frequentano le scuole, dovuto sia alla chiusura dei servizi che alla sospensione delle attività”.

Il picco dei contagi tra i bambini ha determinato quarantene quasi interminabili, pertanto, i più piccoli sono stati costretti a rimanere a casa.

Palazzo Marino e Milano Ristorazione stanno analizzando l’intervento più adatto su questo tema. Nei prossimi giorni si esaminerà la tipologia di rimborso più idonea.

Covid, sconto mensa: il 38% delle classi ha bambini a casa

Secondo gli ultimi dati, sono in quarantena circa 430 sezioni solo nelle scuole comunali su 1.138 totali fra nidi, materne e sezioni primavera. Il 38% delle classi ha i bambini a casa. Scavuzzo annuncia: “Sono ancora tantissimi, ora non possiamo ma appena saremo in grado di ripristinare il servizio lo faremo”.

A partire dal 31 gennaio, secondo le nuove indicazioni di Ats, le educatrici che lavorano negli asili che hanno avuto un bambino positivo in classe potranno rientrare a scuola dopo cinque giorni di auto sorveglianza. Pertanto, si potrà riaprire la classe chiusa per Covid con gli alunni che non sono risultati un contatto stretto.

Covid, sconto mensa. Scavuzzo: “Garantire una proposta educativa ai nostri bambini”

L’assessora Scavuzzo conclude: “Ciò che stiamo facendo tiene conto di tutto quello che stiamo ascoltando e che ci arriva dalle famiglie: permettere a mamme e papà di poter lavorare è un tema cruciale, ma non bisogna dimenticare il vero obiettivo per noi centrale: continuare a garantire una proposta educativa ai nostri bambini”.

LEGGI ANCHE: Covid-19, a Milano aumentano le classi in quarantena

Leggi anche

Contents.media