×

Bentoteca: i box giapponesi creativi ed esclusivi a Milano

Condividi su Facebook

Bentoteca è un locale in via S. Calocero a Milano che propone piatti unici e creativi nelle tipiche box giapponesi.

Bentoteca Milano
Bentoteca Milano

La Bentoteca è un progetto avviato a Milano dallo chef Yoji Tokuyoshi, che prevede bento e udon kit abbinati a vini naturali. Lo chef ha creato un connubio di ingredienti italiani e cucina giapponese per realizzare una formula contaminata “esclusivamente nelle idee e non nei sapori“.

Le tipiche box giapponesi sono trasformate piatti unici ed esclusivi grazie all’incredibile creatività di Tokuyoshi.

La Bentoteca di Tokuyoshi a Milano

Aperto nel maggio 2020 a Milano, la Bentoteca è stata ideata da Yoji Tokuyoshi prima dello scoppio della pandemia. Con la chiusura del precedente locale, chiamato Tokuyoshi, lo chef ha voluto inventare una formula semplice ma di grande impatto con la creazione di bento e udon kit, consistenti in pasti completi presentati in modo unico e creativo.

L’identita di Bentoteca permette al locale di abbracciare una clientela a vasto raggio, conquistando i palati di tutti. Il progetto si è sviluppato durante la quartantena, quanto Yoji Tokuyoshi era impegnato nella fornitura di 50 pasti giornalieri ai medici dell’ospedale San Giuseppe di Milano, anche se l’idea era affiorata nella mente dello chef già da tempo.

La Bentoteca si trova in via S. Calocero 3 a Milano ed è facilmente raggiungibile con la linea M2 della metro, scendendo alla fermata di Sant’Agostino.

Il locale è aperto dal martedì alla domenica dalle 18:00 alle 23:00. Di sabato e di domenica la Bentoteca è aperta anche per il pranzo, con orario 12:30-15:00.

La cucina creatica di Yoji Tokuyoshi

In Giappone il bento è una scatola con all’interno un pasto completo molto semplice: di solito vi si trova del riso, un uovo sodo, del pollo e della verdura. Mantendo questo format, nella Bentoteca si potranno trovare del bento elaborati ma con l’eleganza tipica della “schiscetta” giapponese per eccellenza.

Tra gli ingredienti utilizzati ci sono anguilla, sgombro panato, ali di pollo fritte e yakitori. Ai bento vengono poi affiancate alcune zuppe, come lo sukiyaki, un piatto della cucina giapponense nello stile nabemono, che significa “alla pentola”.

I box giapponesi sono disponibili da asporto, e sono comodi da mangiare ovunque. Tra i piatti più amati si trova l’anguilla cotta in stile kabayaki su base di riso di Niigata, con melanzane, zenzero, salsa ponzu, shiso, uova e alga nori.

Particolarmente prelibato anche il Karaage di pollo ficatum. Il pollo viene nutrito con fichi secchi negli ultimi sei mesi della propria vita, poi viene fritto due volte a diverse temperature e marinato con una salsa giapponese. Particolarmente amato è anche il Panda burro e acciughe: il piatto consiste in un pane al vapore che riproduce l’aspetto del muso di un panda, prodotto con burro fatto in casa. Il prezzo è molto accessibile, paragonato all’estrema qualità della cucina. I prezzi vanno infatti dai 14 ai 22 euro e consentono di gustare un piatto abbondante e prelibato.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche