×

Sciopero dei mezzi venerdì 16 settembre: “Troppe aggressioni, situazione intollerabile”

La protesta dei sindacati per le aggressioni al personale

Sciopero dei lavoratori del trasporto locale: il 16 settembre stop di 8 ore

Nella giornata di venerdì 16 settembre è stato proclamato uno sciopero nazionale di 8 ore.

Sciopero venerdì 16 settembre, le organizzazioni sindacali: “Situazione intollerabile”

Nel capoluogo lombardo i mezzi pubblici si fermeranno -o meglio, non saranno garantiti- dalle ore 8:45 alle 15.

Metro, autobus, treni, tram e filobus si fermeranno. La mobilitazione è stata indetta unitariamente dalle sigle Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal e Ugl Autoferro “in considerazione delle violente e reiterate aggressioni a conducenti, controllori, capi stazione, addetti a traghetti e vaporetti, registrate su tutto il territorio nazionale negli ultimi mesi”.

Le organizzazioni sindacali hanno chiarito in una nota: “Scioperiamo di fronte a una situazione intollerabile su cui bisogna intervenire subito.

A tutt’oggi non si è registrato alcun intervento a tutela del personale da parte dei datori di lavoro e neanche da parte del legislatore con specifici provvedimenti indirizzati a prevenire e scoraggiare le aggressioni al personale dei mezzi pubblici. Servono provvedimenti immediati“.

Sciopero venerdì 16 settembre: le ultime aggressioni

Tra le aggressioni ai dipendenti ricordiamo anche quella avvenuta a Milano lo scorso 9 settembre: nella stazione di Affori (M3), un controllore di Atm di 36 anni è stato colpito al naso con una testata da un passeggero senza biglietto.

Un’altra aggressione simile si era verificata nella mattinata del 26 agosto alla fermata Loreto (M1), quando un passeggero sprovvisto di biglietto aveva insultato e colpito con due schiaffi una dipendente Atm di 41 anni.

LEGGI ANCHE: Il Passante ferroviario rimane a metà: mancano all’appello le linee S2 e S6

Leggi anche

Contents.media