×

Comunali Milano: la lista di Azione a sostegno di Beppe Sala

Condividi su Facebook

Il partito di Azione, che ha già dichiarato di partecipare alle comunali di Milano in coalizione con Sala, annuncia la sua lista.

comunali milano
comunali milano

Alle comunali di Milano il movimento Azione, che aveva già dichiarato di scendere in campo sostenendo la ricandidatura di Beppe Sala a sindaco di Milano, parteciperà con una propria lista. “Azione è intenzionata a diventare sempre più un chiaro e ben definito soggetto alternativo al populismo, al sovranismo e alla poca serietà e senso di responsabilità che certi soggetti politici hanno dimostrato nelle ore passate“ spiegano dal movimento.

Azione alle Comunali di Milano

Azione, il movimento politico di Carlo Calenda, ha sin dal principio confermato la sua presenza alle comunali di Milano come sostenitori di Beppe Sala. Niccolò Carretta, coordinatore regionale del movimento e consigliere regionale aveva già annunciato: “Ci stiamo prendendo questi ultimi giorni per definire l’effettiva modalità con cui ci presenteremo alle elezioni amministrative. Stiamo lavorando con i nostri iscritti per costruire un progetto all’interno anche dei nove Municipi della città.” E come promesso, a distanza di una settimana da questa dichiarazione, lo stesso Carretta con Alberto Daina, coordinatore provinciale di Milano, annunciano la partecipazione alle comunali con una propria lista.

L’idea di Milano, la progettualità e la concretezza dimostrata in questi anni ci hanno convinti, senza alcun dubbio, a candidarci con il nostro nome e il nostro simbolo al Consiglio Comunale.” spiegano.

Non è chiaro però se a questa lista si aggiungeranno altri partiti. “Nelle prossime settimane saremo certamente aperti al dialogo ed a eventuali integrazioni con le altre forze politiche intenzionate a dare una mano al progetto a partire ovviamente da chi condivide i nostri stessi gruppi parlamentari“.

Probabile infatti la presenza nella lista del partito +Europa e dei Radicali Italiani, con Azione come capolista. Indipendentemente da ciò però la scelta è fatta, ed è fatta per un valido motivo: “Azione è intenzionata a diventare sempre più un chiaro e ben definito soggetto alternativo al populismo, al sovranismo e alla poca serietà e senso di responsabilità che certi soggetti politici hanno dimostrato nelle ore passate.” spiegano dal movimento.

Leggi anche

Contents.media