×

La Triennale di Milano sostiene l’Ucraina: il no al padiglione del governo russo

Al via gli incontri "Planeta Ukrain": la cultura come messaggio di pace

Triennale di Milano, sì al padiglione ucraino: revocato l’invito ai russi

Il prossimo luglio, la Triennale di Milano chiuderà le porte al governo russo: la 23esima esposizione internazionale ospiterà l’Ucraina.

Triennale di Milano, sì al padiglione dell’Ucraina: l’iniziativa

Nella giornata di mercoledì 9 marzo, la Triennale ha dato il via all’iniziativa Planeta Ukrain, una piattaforma di dialogo e confronto che coinvolgerà artisti, intellettuali, scienziati ucraini e internazionali.

Il presidente della Triennale, Stefano Boeri, ha affermato: “Abbiamo deciso di ritirare l’invito al governo russo, stante la situazione di violenta e ingiustificata guerra. Naturalmente questo non significa che alla prossima Triennale gli artisti russi non possano partecipare, ma l’invito al governo per il padiglione russo è stato ritirato”.

Triennale di Milano, sì al padiglione dell’Ucraina, Boeri: “La guerra è l’opposto del dialogo”

L’obiettivo è costruire un ponte con intellettuali, artisti intellettuali musicisti e studiosi che stanno a Kiev e nelle città ucraine sotto i bombardamenti.

Boeri aggiunge: “L’Europa è stata sempre luogo di scambio di opinioni e la guerra è l’opposto del dialogo”. Necessaria una strada che vada verso un armistizio, utilizzando la cultura come messaggio di pace.

Triennale di Milano, sì al padiglione dell’Ucraina, Fontana: “Diffondere la cultura della pace”

Il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, ha chiarito: “Oggi più che mai siamo chiamati a promuovere e diffondere la cultura della pace, a dare voce ai valori di democrazia e libertà, a perseguire un’alternativa fondata sul rispetto dei diritti umani“.

Fontana ha sottolineato che la Triennale è un punto di riferimento nel contesto globale, nonché un’istituzione attenta e aperta al confronto.

Infine, è intervenuto anche il ministro dei beni culturali, Dario Franceschini: “Il primo aprile l’Italia ha la presidenza del Consiglio d’Europa: proporrò che in quella sede, in cui la Federazione Russa è già stata sospesa, siano avviate iniziative concrete di solidarietà per ospitare artisti ucraini“.

LEGGI ANCHE: La copertina dell’album di Fedez diventa una scultura di Vezzoli: la presentazione in Triennale

Leggi anche

Contents.media