×

L’addio di Sala e Fontana alla mitica Raffaella Carrà

Condividi su Facebook

Il sindaco di Milano e il governatore lombardo salutano Raffaella Carrà

Raffaella Carrà e Giuseppe Sala

Il 5 luglio, Raffaella Carrà ci ha lasciato all’età di 78 anni, dopo aver combattuto con una malattia tenuta segreta.

Raffaella Carrà: l’addio di Milano

Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha condiviso sui social una foto che li ritraeva insieme, accompagnato dalla didascalia “Le icone non muoiono mai.

Grazie, Raffaella”.

Il governatore lombardo, Attilio Fontana, rammaricato della notizia appresa decide di ringraziarla così “Notizia che apprendo con grande tristezza: ci ha lasciati Raffaela Carrà. Un’artista senza età, in grado di far cantare e ballare ogni generazione. Brava, bella e sempre innovativa. La Carrà ha scritto pagine memorabili della storia dello ‘spettacolo’ italiano e resterà sempre nei nostri cuori come una donna solare e positiva. Riposa in pace”.

Raffaella Carrà: l’ex compagno Sergio Japino

È stato Sergio Japino, ex compagno storico, ad annunciare la scomparsa della mitica artista:

“Raffaella ci ha lasciati. È andata in un mondo migliore, dove la sua umanità, la sua inconfondibile risata e il suo straordinario talento risplenderanno per sempre”.

Raffaella Carrà: la malattia segreta

Nessuno era a conoscenza della malattia che aveva colpito Raffaella, i familiari volevano proteggerla “affinché il suo personale calvario non avesse a turbare il luminoso ricordo di lei”.

La nota firmata da Japino, dagli adorati nipoti Federica e Matteo, Barbara, Paola e Claudia Boncompagni, dagli amici di una vita e dai collaboratori più stretti riporta “aveva attaccato quel suo corpo così minuto eppure così pieno di straripante energia”.

LEGGI ANCHE: Addio Carla Fracci, la Scala di Milano: “Perdiamo una figura leggendaria”

Leggi anche

Contents.media