×

Grido: “Nanni Svampa ha ispirato la mia carriera”

Condividi su Facebook

Nell'intervista rilasciata a Notizie.it | Milano, Grido racconta la sua città: dai ricordi d'infanzia agli artsiti storici milanesi che l'hanno ispirato.

.
.

In occasione dell’uscita del nuovo album “Diamanti e Fango”, Grido racconta la sua Milano: dalla periferia dove è cresciuto agli artisti attualmente emergenti nella scena rap milanese.

Cosa ami della tua città?

Il fermento, a Milano non si sta mai con le mani in mano.

La bellezza, perché trovo che Milano nonostante sia caotica, per certi versi grigia e a volte un po’ sporca, ha un fascino incredibile. Milano ha fascino, ha stile, ha storia, sia dal punto di vista dell’arte, della comicità e della musica. Sono orgoglioso di essere milanese.

Com’è stata la tua infanzia a Milano?

Milano da piccolo la vedevo un po’ come il sogno da raggiungere perché io vivevo in periferia, a Cologno, dove ci ho vissuto fino a qualche anno fa.

Quindi vedevo la periferia come quella zona di noia dove non succedeva niente mentre Milano era quel posto dove succedeva tutto e quindi l’ho sempre vista come un sogno da raggiungere. Tant’è che io avevo una scuola superiore a pochi passi da casa, ma per un alcuni anni decisi di iscrivermi in una scuola centrale a Milano, vicino al Duomo, solo perché volevo vedere cosa succedeva nella città.

cologno monzese

Come è cambiata la periferia in cui sei nato e cresciuto rispetto a oggi?

Forse adesso è un po’ più connessa e al passo con la città. Anche un ragazzo senza una macchina ora può raggiungere Milano. Non voglio fare il vecchio, ma 20-25 anni fa era più difficile perché c’era un autobus ogni 2 ore in certe zone. Quindi la periferia si è un po’ svegliata.

grido a cologno

Quando devi cercare ispirazione, qual è il luogo nascosto di Milano in cui vai?

Ce ne sono tanti: uno è il Parco Sempione, ma forse anche i Navigli. Questi determinati luoghi, però, bisogna trovarli nel momento giusto e con il giusto romanticismo.

Grido

Hai qualche nome o artista su cui scommetteresti della scena milanese?

Non ce n’è uno, per adesso sono prudente. Ce ne sono alcuni che ti avrei detto, ma sono personaggi e ragazzi già abbastanza sulla cresta dell’onda, quindi non sarei il primo a scommetterci. Posso scommettere su uno dei produttori del disco che è molto giovane: si chiama Shorty Shok e secondo me è un talento incredibile, quindi ne combinerà parecchie.

Quali degli artisti storici di Milano ti ha ispirato a intraprendere questa vita?

Assolutamente Nanni Svampa. Ricordo quando ero un bambino e mio nonno lo ascoltava spesso. Ho conosciuto quella realtà, quel tipo di cantautorato milanese a diversi strati. All’inizio quando ero bambino ascoltavo solo la parte divertente, come la melodia. Poi ho scoperto che dietro c’era veramente tantissima critica sociale, tanta storia e Svampa in questo è il numero uno.

Dove consigli di bere un drink a Milano?

Più che un drink consiglierei un’ottima birra da bere alla birreria La Fontanella.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Paola Barletta

Nata a Napoli, classe 1991, laureata in Editoria, Culture della Comunicazione e della Moda all'Università degli studi di Milano. Collabora con Donnemagazine.it di cui è Editor in Chief dal 2017.

Leggi anche