×

Festa della Donna Milano: musei gratuiti e corsi di autodifesa

Condividi su Facebook

Dall’appello dell’assessore Tajani contro i licenziamenti in bianco ai musei aperti: moltissime le iniziative per la Festa della Donna a Milano.

In occasione della Festa della Donna l’assessore alle Politiche del Lavoro e Sviluppo economico del Comune di Milano Cristina Tajani ha lanciato un appello al Ministro Fornero.

“Per l’8 marzo faccia un regalo alle lavoratrici italiane: ripristini la norma contro i licenziamenti in bianco. Nonostante nell’ultimo decennio le donne abbiano mostrato tassi di scolarizzazione sempre crescenti e ben superiori a quelli raggiunti dai coetanei uomini, il mercato del lavoro italiano continua a discriminare il genere femminile sia in termini di stabilità dell’impiego sia in termini di retribuzione, come confermano i dati Almalaurea sulle retribuzioni dei laureati pubblicati ieri.

Purtroppo la questione riguarda anche una città come Milano, in cui pure nel corso degli anni è aumentato il numero di donne in posizione apicale nelle aziende pubbliche e private […] Io credo che la norma che impedisce ai datori di chiedere alle lavoratrici di sottoscrivere una lettera di licenziamento in bianco al momento dell’assunzione, sia un aspetto che possa essere stralciato dalla discussione generale sulla riforma, proprio perché rappresenta una misura di civiltà.

Sarebbe un atto di sensibilità dalle ricadute immediate e concrete se il Governo e il Ministro annunciassero l’impegno a ripristinare la norma in tempi brevi, proprio in occasione della ricorrenza dell’8 marzo”

Intanto per oggi il Comune di Milano propone tutta una serie di iniziative ‘al femminile’.

Giovedì 8 marzo i Musei Civici saranno aperti gratuitamente alle donne (Museo Archelogico, Museo del Risorgimento, musei del Castello Sforzesco, Museo di Storia Naturale e Museo del Novecento).

Si potranno visitare le mostre ospitate da Palazzo Reale a un prezzo ridotto:

“Tiziano e la nascita del paesaggio moderno”
“La Transavanguardia italiana”

Per la mostra “Famiglia all’italiana” l’ingresso sarà gratuito.

Sempre oggi in Sala Alessi a Palazzo Marino si terrà un’iniziativa che prevede letture e pensieri di Eva Cantarella sul tema delle discriminazioni di genere, dalle 18 alle 20.

Le parole della giurista e scrittrice saranno accompagnate da soprani e musicisti della Civica Scuola di Musica – Fondazione Milano: Sakiko Abe e Vera Milani (soprani), Emma Huijsser (flauto dolce e arpa barocca), Flora Papadopoulos e Maximilian Ehrhardt (arpe barocche).

Presenti la vicesindaco Maria Grazia Guida, le assessore Daniela Benelli, Chiara Bisconti, Lucia Castellano, Lucia De Cesaris e Cristina Tajani e tutte le consigliere comunali. Non è prevista la prenotazione e si potrà accedere alla sala fino a esaurimento posti.

Inoltre l’assessorato alla Sicurezza rilancia il corso gratuito di Difesa personale femminile: il corso, basato sul Metodo Globale di Autodifesa, prevede due lezioni a settimana, per un totale di sei settimane.

Quest’anno gli insegnanti della Scuola del Corpo di Polizia locale terranno le lezioni presso la sede di via Boeri 7, nella palestra e nel giardino. I giorni delle lezioni saranno il mercoledì e il venerdì, dalle 18.30 alle 20. Le iscrizioni (fino a 25 posti) saranno aperte dal 1° aprile e per fare richiesta sarà necessario compilare un modulo scaricabile dal sito del Comune.

LINK UTILI

Cultura a Milano: dal 4 marzo al via “Area P – Milano incontra la poesia” in Sala Alessi.

Giuliano Pisapia presenta la nuova giunta: il vicesindaco è Maria Grazia Guida.

Festa della donna: riflessioni e ricette per l’8 Marzo.

Festa della Donna: dagli Stati Uniti all’Italia la storia dell’8 marzo.

Auguri 8 marzo: le migliori infografiche per la Festa della donna.

Festa della Donna: reporter al femminile che hanno fatto la storia.

Festa della Donna: sondaggio sulla felicità della femmina italiana.

Doodle Google Festa della Donna: Mister G celebra l’8 marzo.

Festa della donna: ecco le start up rosa made in italy.

Frasi Festa della Donna: l’8 marzo si avvicina, noi lo festeggiamo così. 

8 marzo 2012 : festeggiare o non festeggiare?

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche