×

Parola Cantata, fino al 19 giugno a Brugherio

Condividi su Facebook

E’ iniziata ieri, con una serata dedicata alla musica ‘al femminile’, la rassegna “Parola Cantata”, giunta ormai alla seconda edizione. La ‘Canzone d’Autore’ è il trait d’union di questa tre giorni fortemente caratterizzata dal genere.

Direttore artistico dell’happening è Mauro Ermanno Giovanardi, storica voce dei La Crus, che ha raccontato:

“Dopo la bellissima esperienza dello scorso anno ho deciso di mantenere la divisone ‘di genere’ delle 3 giornate ovvero: femminile il venerdì, maschile il sabato e infine di usare la giornata della domenica come una sorta di jolly dove ogni anno potermi sbizzarrire e trovare un tema nuovo e diverso.

In un mondo di uomini, e quello della musica non fa eccezione, mi è sembrato importante dedicare un’intera giornata alla parola femminile, perché vorrei che nella musica, come nella vita, ci fosse più spazio per le quote rosa. Ogni punto della prima giornata propone delle dinamiche molto interessanti direttamente riconducibili ad un lavoro approfondito e di genere. Partendo da qui, poi di conseguenza è nato tutto il resto; il sabato dedicato alla visione maschile e la domenica che si sviluppa attorno al tema della parola che, per sua natura, trascende i mondi di appartenenza ed è patrimonio comune.

Per far sì che le parole siano al centro del festival abbiamo deciso di dar vita a set esclusivamente acustici… Per dare più forza ai versi, ai testi, all’autoralità”

L’elemento maschile caratterizzerà la seconda giornata di Festival, il “Sabato di Saturno”: si parte con Franco Battiato, ospite d’onore del primo “Pranzo con l’Autore”, che si racconterà ai fortunati convitati. Nel pomeriggio Enzo Gentile accompagnerà Matteo Guarnaccia nella presentazione del suo nuovo libro “Bob Dylan Fun Book”.

Successivamente Marco Ferradini presenterà “La mia generazione”, disco tributo ad Herbert Pagani. All’ora dell’aperitivo Manuel Agnelli, Brunori Sas e Luca Madonia, nella suggestiva cornice del cortile della Casa del Popolo, parleranno dei diversi approcci alla scrittura di una canzone. L’incontro avrà la conduzione del cantautore Niccolò Agliardi. In chiusura i concerti presentati da Niccolò Vecchia, speaker di radio Popolare Network, durante i quali Mauro Ermanno Giovanardi svestirà per una sera i panni di direttore artistico per esibirsi sul palco insieme a Luca Madonìa, Manuel Agnelli, Brunori Sas e Amor Fou.

La “Domenica del villaggio” chiude il festival con una serie di incontri che partiranno con il secondo “Pranzo con l’autore”: Enrico Ruggeri parlerà anche del suo nuovo libro “Che giorno sarà”. La canzone come fonte storiografica sarà il tema dell’incontro “Quella strana gioia di vivere. Felicità, storia e canzoni nell’Italia della ricostruzione” con Paolo Colombo e Gioacchino Lanotte, docenti di storia presso l’Università Cattolica di Milano.

Alle 17.30 Massimo Cotto (giornalista musicale/scrittore/conduttore radio/televisivo), presenterà il suo “Grande libro del Rock (e non solo)” accompagnato dal direttore di Radio Popolare, Claudio Agostoni. Non poteva mancare Enrico De Angelis, responsabile artistico del Club Tenco, che, insieme a Mauro Ermanno Giovanardi, darà vita ad un incontro di chiacchiere e aneddoti intorno alla figura dell’indimenticato chansonnier Piero Ciampi. La tre giorni poi si concluderà con la finale del concorso nazionale “L’Artista che non c’era” a cura della rivista Isola di cui saranno ospiti i Perturbazione in versione acustica.

Per ulteriori info vi rimandiamo al sito ufficiale.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche