×

District4Lab inaugura con la mostra I Wish di Federico Fanti

Condividi su Facebook

Apre oggi DISTRICT4LAB il luogo/studio/galleria/temporary shop/spazio espositivo aperto a fotografi, artisti e molto altro (Via Lorenteggio 157, Milano). La location perfetta dove più mondi possono incontrarsi e le idee possono viaggiare. Questo perchè nel mondo in cui viviamo c’è poco spazio per creatività e talento.

DISTRICT4LAB è disponibile sia per lavori di tipo professionale che di tipo progettuale e di ricerca personale.

DISTRICT4LAB inaugura la sua sede con la mostra I Wish di Federico Fanti. Il tema della mostra: I nostri desideri. Non c’è niente di più prezioso e di più segreto. Federico Fanti ha chiesto ad amici, conoscenti e anche semplici estranei di farsi fotografare con un oggetto che rappresenti il loro desiderio più grande.

Con una prospettiva insolita, dall’alto, quasi come ogni soggetto stesse chiedendo, implorando di essere esaudito. Ed esponendo le foto sul pavimento della galleria, mettendo il visitatore nella affascinante e scomoda posizione della preghiera. Ne è venuta fuori un’affascinante galleria di volti e oggetti, il cui significato è a volte chiaro, a volte divertente, a volte misterioso e insondabile.

E per esporre i lavori della mostra non ci potrebbe essere uno spazio più adatto di District4Lab, nuova struttura milanese aperta alle idee nuove e a chi ha il desiderio di farle conoscere.

I Wish è la prima di una serie di mostre ed eventi culturali che animeranno District4Lab nei prossimi mesi. “In questo progetto ho voluto approfondire i desideri delle persone, chiedendo ad ognuna di esse di pensare a un oggetto, un feticcio, una proiezione solida del loro desiderare, ed ho pensato che il modo migliore per esporre fosse un pavimento – ha spiegato Federico Fanti – Li ho così disposti in terra, per far sì che in questo gioco lo spettatore diventasse infine colui che può realizzarli.

Ho inoltre allestito all’interno della mostra un set fotografico, per immortalare “live” gli eventuali desideri di ogni visitatore”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche