×

Una mostra dedicata a Fabrizio De Andrè a Milano

Condividi su Facebook

Fabrizio De Andrè

Tra gli artisti che hanno fatto certamente la storia della musica italiana e che ancora attualmente milioni di fan c’è certamente Fabrizio De Andrè, che si è fatto apprezzare soprattutto per la profondità dei suoi brani dedicati anche alle persone che soffrono e che si trovano ai margini della società come ribelli e prostitute, ma il cui ricordo rimane sempre vivo nel tempo, nonostante ormai siano passati più di dieci anni dalla sua scomparsa.

E’ proprio per cercare di mantenere ancora più vivo il contributo importante che ha avuto per la musica italiana che ora approda anche a Milano una mostra a lui dedicata e che prima aveva fatto tappa anche a Genova, Roma, Nuoro e Palermo con l’obiettivo di ripercorrere attraverso le immagini le tappe principali che hanno caratterizzato la sua carriera discografica, i motivi che lo hanno ispirato nel comporre le sue canzini più importanti, ma anche le sue passioni al di fuori del lavoro.

La sede dell’esposizione sarà la Rotonda di Via Besana e avrà luogo a partire dal prossimo 12 marzo e fino al 15 maggio, ma si tratta di un’iniziativa fortemente voluta da parte dell’assessore alla Cultura, Massimiliano Finazzer Flory e dalla Fondazione Fabrizio de Andrè Onlus.

La scelta di dedicare un evento del genere proprio a De Andrè non è stata del tutto casuale visto che di lui ‘amministrazione comunale ha apprezzato soprattutto la bellezza che ha sempre caratterizzato i suoi brani che arrivano a scandagliare anche il profondo dell’animo umano senza timore di andare contro l’arroganza e l’abuso di potere.

Si tratta di un’esposizione che si spera possa venire apprezzata da parte dei visitatori dato che gli organizzatori hanno puntato molto anche sull’innovazione rendendo le varie parti della mostra interattive e multimediali in modo tale da instaurare un rapporto diretto con l’immagine che si avrà di fronte e apprezzarne ancora di più il valore.

Immagine tratta dal sito www.radiochianti.it

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche