×

La Marcia Mondiale per la Pace e la Non Violenza è arrivata in Piazza del Duomo

Condividi su Facebook

C'erano anche il difensore dell'Inter Ivan Ramiro Cordoba, il deejay di Radio 105 Alessandro Cattelan e la portavoce italiana per la marcia Emanuela Fumagalli ad attendere in piazza del Duomo ben 3000 studenti delle scuole di Milano e provincia, uniti da uno slogan "Ci siamo innamorati della parola Pace".

E lo slogan della Marcia Mondiale per la Pace e la Non Violenza, a Milano è diventato anche un premio. La Pina e Diego di Radio Deejay lo hanno consegnato alle classi vincitrici presso la Sala della Provincia di Milano in via Corridoni a conclusione delle manifestazioni odierne.

L'evento era iniziato con il grande karaoke di 'Imagine', di John Lennon in piazza del Duomo lo scorso 2 ottobre. Sempre in piazza del Duomo il corteo, partito da Via Dante si è concluso intorno alle dieci di questa mattina, portando con sè striscioni, bandiere e simboli della Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza.

Le classi che non hanno raggiunto via Corridoni sono state coinvolte in uno spettacolo interattivo, realizzando una scritta e un simbolo "umano" sul tema della pace.

Lanciata nel novembre del 2008, l'iniziativa ha respiro internazionale e come scopo – si legge sul sito della Marcia –  ha la sensibilizzazione rispetto "alla pericolosa situazione mondiale in cui ci troviamo, caratterizzata dall'alta probabilità di conflitto nucleare, dalla corsa agli armamenti e dalla violenta occupazione militare di territori.

Tra le proposte dei fondatori ci sono il disarmo nucleare a livello mondiale, il ritiro immediato delle truppe di invasione dai territori occupati, la riduzione progressiva e proporzionale delle armi convenzionali, la firma di trattati di non aggressione tra paesi e la rinuncia dei governi a utilizzare le guerre come metodo di risoluzione dei conflitti".

Moltissime le adesioni eccellenti: Dal cantante Claudio Baglioni, al comico Giobbe Covatta, all'attore Dario Fo, agli scrittori Josè Saramago e Isabel Allende, oltre a numerosissime istituzioni e associzioni che lavorano nel terzo settore.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche