×

Multa al mimo, e adesso i ghisa prendono in giro la Moratti

Condividi su Facebook

Ricordate la vicenda dell'artista di strada Leon? No? Una rinfrescatina.

Venerdì scorso tre vigili intorno a mezzogiorno e mezzo vanno da lui in corso Vittorio Emanuele e gli chiedono l'autorizzazione. Il giovane gliela mostra, ma i vigili gli fanno comunque un verbale da 100 euro perchè la "statua vivente" avrebbe cominciato a lavorare in anticipo e si trovava a qualche metro di distanza dal metro quadro che gli è stata assegnato dal Comune (foto Repubblica).

Secondo il regolamento comunale del 2000 infatti ci si può fermare in un punto per tre ore al massimo, poi bisogna spostarsi. Per ottenere i posti migliori bisogna andare al comando dei vigili, in piazza Beccaria.

A nulla sono valse le spiegazioni del ragazzo, che si era spostato per non stare sotto il sole. I primi a protestare sono stati i passanti, seguiti nei giorni successivi persino dal Nobel Dario Fo.

Ma dopo la sua offerta a pagare la multa ci penserà un portafoglio illustre.

Ovvero quello del sindaco Moratti

"Ringrazio Fo, ma avevo già dato istruzioni ai miei uffici perché fossi io a pagare. Abbiamo verificato quanto è successo e si è trattato di un'applicazione troppo rigorosa nel rispetto del Regolamento comunale del 2000. La violazione c'è stata, ma ritengo che in certe situazioni occorra una maggiore sensibilità perché oggi le priorità sono altre, legate più alla sicurezza dei cittadini e al rispetto delle regole che garantiscono una civile convivenza"

Bene, ora la trama si infittisce.

I ghisa prendono in giro la Moratti, lei non la prende tanto bene e così la "lotta" è destinata a proseguire anche nei prossimi giorni.
Eggià, perchè la Rsu (Rappresentanza sindacale unitaria) ha comunicato che «la polizia locale di Milano farà una provocatoria colletta per costituire un fondo da consegnare al sindaco per pagare tutte le multe che la dottoressa Moratti riterrà ingiustificate e politicamente scorrette».
Letizia Moratti non ha gradito la provocazione della colletta da parte della Rsu: «Non c'è nulla da scherzare sulla decisione che ho preso – ha detto il sindaco a margine di un evento a Palazzo Marino -.

È un ragazzo di 18 anni, da appena due mesi in Italia, che si mantiene facendo l'artista di strada».

Appuntamento alla prossima puntata

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche