×

MiTo ai blocchi di partenza: due città gemellate in nome della cultura e dell'Expo

Condividi su Facebook

Dopo il grande successo dello scorso anno è pronta a partire la seconda edizione di MiTo, il festival che gemella la città di Milano e quella di Torino in nome della cultura, anche in vista dell'Expo 2015.

Sarà il festival di musica più grande d'Europa, dall' 1 al 25 settembre, che farà da palcoscenico a oltre 4.000 artisti provenienti da 33 Paesi.

"La collaborazione tra Milano e Torino, che si sviluppa in diversi settori, dall’università alle infrastrutture, vede nell’occasione di MiTo una grande opportunità culturale, la più importante delle infrastrutture" aveva dichiarato la Moratti durante la presentazione dell'evento.

Il programma di Torino potete trovarlo sul blog Torino 2.0, mentre a Milano si partirà lunedì alla Scala con la Royal Concertgebouw Orchestra diretta da Mariss Jansons che eseguirà musiche di Messiaen, Debussy e Musorgskij in un concerto tutto esaurito.

Martedì toccherà a Torino, con la Cleveland Orchestra al Regio che eseguirà musiche di Anton Bruckner e Thomas Adès.

Tra i 230 eventi ci sarà in primo piano la musica sinfonica con l'Orchestra Filarmonica di Helsinki guidata da Jukka-Pekka Saraste, la London Symphony Orchestra diretta da Sir Colin Davis e Valerij Gergiev per quattro diversi concerti, la Junge Deutsche Philharmonie diretta da George Benjamin, l'Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino guidata da Zubin Mehta dirigerà e l'Orchestre National de France guidata da Kurt Masur.

Come segnala IlSole24Ore ci sarà uno spazio

"riservato al viaggio musicale dei Gitani, dal deserto del Rajasthan nel cuore dell'India fino all'Andalusia, con quel colorato bagaglio di bardi, danzatrici e saltimbanchi che ha lasciato traccia di sé dal Pakistan all'Iran, dalla Turchia ai Balcani"

Una vetrina sarà riservata a Harrison Birtwistle mentre si esibiranno per la prima volta in Europa con l'Orchestra Milano Classica Antony and the Johnsons. Altra prima europea il nuovo lavoro di John Zorn, con Lou Reed e Laurie Anderson.

Il programma dettagliato lo trovate sul sito ufficiale della manifestazione. L'intero evento aderisce al progetto Impatto Zero di Lifegate (anche Ligabue vi aveva aderito): verranno compensate le emissioni di anidride carbonica con la creazione di nuovi "polmoni verdi" nel Parco del Ticino e in Costa Rica.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche