×

Il cenacolo vinciano prende vita a Palazzo Reale: Gesù e gli Apostoli si animeranno fino al 4 maggio

Condividi su Facebook

Far rianimare il Cenacolo Vinciano è un progetto che è in cantiere da diverso tempo. Sentir parlare i personaggi che furono vicini a Cristo nelle sue ultime ore, e riprovare l'emozione di questi istanti fa parte del progetto del regista inglese Peter Greenway, che con luci e suoni avrebbe voluto realizzare seriamente l'impresa.

Già parliamo al passato, perchè la Sovrintendenza ha negato il consenso all'artista, pur replicando quest'ultimo che le luci utilizzate sull'affresco sarebbero state molto meno forti, di quelle che oggi permettono a tante persone di ammirarlo.

Anche se l'intervento era stato finanziato dal Salone del Mobile non sarà possibile ammirare "L'ultima cena" di Leonardo Da Vinci

Cinema e opera d'arte insieme, questa era l'obiettivo che però non verrà del tutto messo da parte.

Infatti, la sala delle Cariatidi, a Palazzo Reale, è pronta per accogliere un meravigioso spettacolo, anche se è solo una brutta copia di quello che sarebbe stato con l'originale.

Sono stati sistemati i muri laterali, e anche la parte del refettorio e le famose lunette, sotto le quali è stato fissato il telo che riproduce, fedelmente, il capolavoro vinciano nelle sue dimensioni originali.

Questo significa che il pubblico fortunato, che riuscirà ad entrare, a partire da domani e fino al 4 maggio, potrà assistere al progetto del regista inglese, anche se su un facs-simile dell'opera d'arte, che attualmente è custodita nella chiesa di Santa Maria delle Grazie .

Chi entrerà nella sala non vedrà subito l'affresco, se non attraverso uno stretto passaggio che riprodurrà una specie di effetto a sorpresa, proprio come sul palcoscenico di un teatro.

Gli effetti dell'animazione sono stati infatti consentiti sulla copia, e i protagonisti del quadro potranno quindi avere le loro voci, che verranno riprodotte ogni sette minuti, durata della visita, e potranno "riascoltare" i momenti più drammatici precedenti la morte di Gesù. 

Per ora ci si dovrà accontentare di questo clone, ma speriamo di poter vedere un giorno gli Apostoli e il Cristo muoversi sull'originale.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche