×

Milano e l'acqua, un rapporto da riscoprire

Condividi su Facebook

Forse per molti oggi è difficile pensare a Milano come una città legata all’acqua. Poche sono le testimonianze visibili per le vie e poche le persone che si ricordano di com’era un tempo. Per ricordare e celebrare quello che è stato uno stretto legame e che ha caratterizzato per secoli la storia e l’aspetto della città, nasce l’evento La Milano dell’acqua, una manifestazione caratterizzata da differenti appuntamenti per grandi e piccoli e veri e propri percorsi turistici.

Questo percorso, inaugurato il 15 febbraio scorso, ha come scopo riportare alla luce conche, canali, alzaie chiuse e antichi approdi che appartengono alla storia dimenticata della città.

Fino a sabato 29 marzo, diversi appuntamenti condurranno i milanesi a riscoprire luoghi suggestivi: l’Acquario Civico, i Navigli, le storiche marcite di Cascina Linterno e i meno noti canali coperti di Milano. Sarà proprio il rinnovato Acquario Civico di viale Gadio 6 ad ospitare, ogni giovedì di marzo alle ore 21.00, una serie di spettacoli dedicati alla magia dell’acqua.

E’ pensato espressamente per i bambini lo spettacolo H2O Piccolo Musical dell’acqua, in scena le prime tre domeniche di marzo alle 10.30 all’Acquario Civico di Milano. Protagonista del racconto è una piccola goccia che si trova ad affrontare un’emozionante avventura.

L’Associazione Acra presenta anche i laboratori didattici Qualcuno non se la beve. Tre gli appuntamenti: il 1 marzo le letture animate C’era una volta l’acqua e il laboratorio Pagine d’acqua; l’8 il quiz La musica dell'acqua e un laboratorio-gioco sull’uso dell’acqua; il 15 L’Oceano sonoro e Dipingere l’acqua.

All’Acquario Civico sono allestite anche le mostre fotografiche Om: viaggio visivo nell’armonia del silenzio, con i lavori di Alessandro Favilli e Le forme dell’acqua di Mauro Mariani. La manifestazione è a cura del Settore Turismo del Comune di Milano. Giovedì 6 marzo “Canzonette sull’acqua – storie di pescatori, amori sull’acqua e per l’acqua” accompagneranno il pubblico alla scoperta di poeti e compositori che si sono ispirati al primordiale elemento. Giovedì 13 marzo la trascinante energia dei fiumi sarà protagonista di un coinvolgente e frenetico viaggio sui barconi che hanno fatto la musica: “Jazz dal Mississippi al Naviglio” con Paolo Tomelleri e la Ticinum Jazz Band.

Giovedì 20 marzo, infine, toccherà a “Gocce di Notte” di Adriano Bassi che chiuderà il programma degli eventi serali.

“Grazie a questo nuovo percorso i turisti, ma anche molti milanesi, potranno visitare e scoprire la nostra città e il suo territorio attraverso una prospettiva inaspettata e insolita per Milano, l’acqua. Lo scorrere dei navigli con i suo ritmi lenti permette dunque di vivere la città con una partecipazione intensa e coinvolgente" – così ha commentato l’iniziativa l’assessore Orsatti.

A tutti i coloro che parteciperanno agli eventi proposti verrà donata una riproduzione stampa.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche