×

Giacomo Balla, una mostra a Palazzo reale per celebrare uno dei maestri del XX secolo

Condividi su Facebook

Cinquant’anni fa moriva Giacomo Balla, uno dei firmatari del Manifesto dei pittori futuristi. L'ultima retrospettiva dedicata all'artista torinese è stata organizzata ben tretasette anni fa a Roma, nella Galleria Nazionale d’Arte Moderna e un anno dopo, nel 1972, passò in misura più ridotta al Musée d’Art Moderne de la Ville di Parigi.

A Milano per la prima volta apre la mostra "Giacomo Balla: la modernità futurista".
Fino al 2 giugno, al primo piano di Palazzo Reale, sono esposte 200 opere, tra olii, acquarelli, disegni, assemblaggi, sculture, fotografie e documenti, che raccontano il trentennio più importante della lunga carriera dell’artista, quello che va dal 1900 al 1929. Il lavoro dei curatori, Giovanni Lista, Paolo Baldacci e Livia Velani, si è concentrato sulle opere del periodo prescelto per offrire al pubblico una mostra completa che illustra e spiega le diverse fasi della ricerca artistica di Balla.

La cultura milanese e lombarda si è sempre identificata più in Umberto Boccioni, l’altro grande futurista, e ha tenuto in minor conto la ricerca e l’originalità di Balla. Il pittore torinese entra a posteriori nel futurismo, quando il programma della nuova pittura è già stato formulato da Boccioni in nome di un divisionismo del colore e della forma messo al servizio dei nuovi temi della modernità: la velocità, la macchina, la vita urbana, i moti sociali.

Divisionismo e visione fotografica, Analisi del movimento, Ricostruzione futurista dell’universo, Arte-azione futurista e Energie e sensazioni. "Una mostra di lustro internazionale – ha aggiunto Sgarbi –, non solo perché Balla è un protagonista europeo assoluto, ma anche perché i grandi musei del mondo hanno concesso importanti prestiti".

Le opere, infatti, arrivano da collezioni private e musei internazionali, come il Museum of Modern Art di New York, il Musée National d’Art Moderne – Centre Georges Pompidou di Parigi, la Tate di Londra, la Staatsgalerie di Stoccarda, il Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid, il Kröller-Müller Museum di Otterlo.

Giacomo Balla: la modernità futurista’ segna l’inizio di un’ambiziosissima stagione che impegna tutta la città in una collaborazione virtuosa tra istituzioni e privati, con grandi mostre come quella dedicata al fotografo Avedon, quella su Kiefer e ancora con le esposizioni su Canova, Bacon e tanti altri artisti: un insieme di opportunità di diverso livello che dimostra la dimensione internazionale delle attività culturali milanesi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche