×

Milano da morire, inchiesta sul malessere della nostra città

Condividi su Facebook

Il 9 maggio uscirà "Milano da morire", di Luigi Offeddu e Ferruccio Sansa. Ci scrive la Rizzoli inviandoci la presentazione del testo, che riportiamo più sotto.

La presentazione del libro avverrà Mercoledì 16 maggio 2007 alle ore 18.00 a Milano presso la Libreria Feltrinelli, Corso Buenos Aires.

Interverranno, oltre agli autori Peter Gomez e Marco Travaglio. Vi presentiamo ora l'evento per stimolarvi al dibattito.

Milano, specchio d’Italia: un’inchiesta durata un anno, piena di verbali e documenti mai prima trapelati nelle cronache, svela il malessere profondo di quella che fu la “capitale “morale”. E l’ombra di una seconda Tangentopoli, forse peggiore della prima perché coinvolge anche i semplici cittadini: è il business miliardario dei parcheggi anti-smog, 200 terreni pubblici affidati a imprese edilizie legate ai partiti di destra e sinistra, che stipendiano direttamente i controllori inviati dal Comune per sorvegliare i loro cantieri, fra gare d'appalto dove compaiono anche verbali alterati.


Migliaia di milanesi sborsano prezzi raddoppiati per box-auto mai costruiti, o sono costretti a pagare per i danni causati ai loro palazzi. Mentre il traffico strangola la città, l’inquinamento sfonda tutti i limiti fissati dall’Unione Europea, e Comune e Regione ammettono nei loro documenti riservati di aver comunicato per anni ai cittadini dei dati erronei sulle polveri sottili.

Il malessere riguarda anche l’istruzione e i servizi sociali, dove le nomine sembrano dettate solo dalla politica: infatti scuole e asili sono stati affidati a una persona scacciata dalle Asl della Calabria per storie di buchi contabili, e accusata pubblicamente da Francesco Fortugno, il leader regionale ucciso dalla 'ndrnagheta.

Ma si ammala anche la sanità: 8 grandi ospedali sotto inchiesta per rimborsi gonfiati o estorsioni ai pazienti, 11 medici lasciati a “curare” i milanesi di notte o nei giorni di festa, quando invece i dottori della guardia medica dovrebbero essere almeno 60 o 70. E dulcis in fundo, il ticket sanitario più caro d’Italia,. mentre si cerca di appaltare ai privati perfino i servizi di pronto soccorso..

Milano, per fortuna, è molte altre cose: per esempio, la capitale italiana del volontariato e della ricerca universitaria.

Una grande città, che soffre ma non muore. Questo libro raccoglie il suo grido. Perché se Milano si arrende, si arrende l’Italia.
12

Scrivi un commento

1000

Leggi anche