×

San Siro non va demolito, l’appello: “Non si può rinunciare alla Scala del Calcio”

La lettera di professori, architetti e ambientalisti per scongiurare la demolizione del Meazza

Lo Stadio San Siro non si tocca, l'appello dei 150

Non solo architetti e professori universitari, ma anche poeti e ambientalisti: centocinquanta esponenti della società civile milanese hanno rivolto un appello ad Antonella Ranaldi, soprintendente di Milano, e a Federica Galloni, direttrice Generale del Ministero dei Beni Culturali, affinché realizzino la dichiarazione di interesse storico-relazionale sullo stadio di San Siro.

San Siro non va demolito: i difensori del Meazza

L’ennesimo bastone tra le ruote per Inter e Milan, le quali mirano alla realizzazione di un nuovo impianto dove attualmente ci sono il parcheggio e il Parco dei Capitani di fianco a San Siro. Infinito l’elenco dei difensori del tempio del calcio, tra cui i docenti del Politecnico Alberico Belgiojoso ed Emilio Battisti, l’ambientalista Milly Moratti, il professore di Storia dell’architettura dell’università di San Paolo del Brasile Aline Coelho Sanches e il presidente di WWF Lombardia Gianni Del Pero.

Gli schieramenti vedono i due club, sostenuti dal sindaco Beppe Sala, contro il Comitato Sì Meazza, insieme agli ambientalisti del quartiere San Siro e una parte della società civile.

San Siro non va demolito: “È uno dei monumenti riconosciuti della città”

Nella lettera dei 150, inviata alla Ranaldi e alla Galloni, si legge: Lo stadio Meazza è diventato uno dei monumenti riconosciuti della città, non solo dai milanesi ma anche dai visitatori italiani e stranieri, per una parte non trascurabile dei quali una visita alla “Scala del Calcio” è irrinunciabile quanto quelle al Duomo, alla Scala e al Castello.

Del resto, il Meazza gronda di memoria collettiva: un tempio del calcio, ma anche la sede di memorabili concerti, ormai passati alla storia”.

San Siro non va demolito: la collaborazione tra ingegneri e architetti

Ma non finisce qui. La lettera prosegue: “lo stadio Meazza è anche un notevole esempio di virtuosa collaborazione tra ingegneri e architetti in vari momenti del XX secolo: Alberto Cugini e Ulisse Stacchini per il primo impianto del 1925-1926, Giuseppe Bertera e Perlasca per il primo ampliamento del 1938-1939, Ferruccio Calzolari e Armando Ronca per il secondo ampliamento del 1954-1955, infine Giancarlo Ragazzi, Enrico Hoffer e Leo Finzi per il terzo e ultimo ampliamento del 1986-1990.

Spicca per qualità il secondo ampliamento, dove gioca un ruolo decisivo la figura di Armando Ronca, importante figura dell’architettura moderna italiana recentemente riscoperta e rivalutata: Il fluido andamento delle rampe che avvolgono l’esterno, in contrasto dialettico con l’emergere delle strutture verticali e dell’intradosso delle gradinate è di grande bellezza e forza espressiva”.

LEGGI ANCHE: San Siro, al via lo ‘studio d’area’ sul quartiere: l’idea del Comune di Milano

Leggi anche

Contents.media