×

Comunali 2021, la Milano del futuro secondo Beppe Sala

Condividi su Facebook

L'obiettivo del sindaco Beppe Sala è ricostruire la Milano del post Covid, mettendo al primo posto sostenibilità e lavoro.

Sindaco di Milano

Una Milano “Più semplice, più connessa, più verde e più giusta”. Scopriamo il programma elettorale.

Il futuro di Milano secondo Beppe Sala

L’idea di Beppe Sala è una “città a 15 minuti“, dove “i quartieri prendono più vita e un ruolo, e dove portiamo i servizi adeguati”.

Ovviamente le priorità per Milano saranno “La sostenibilità e la ricerca del lavoro”. La Milano del futuro sarà una “Milano sempre più verde”, con un aumento delle Zone a 30 chilometri all’ora con “rilevatori elettronici” per controllare il rispetto dei limiti di velocità e una diffusione delle aree a traffico limitato. Inoltre, la volontà di coinvolgere i giovani in un servizio civico comunale per rendere ‘Milano sempre più giusta’, in aggiunta ad una norma simile a quella già sperimentata ad Amsterdam, Parigi e Berlino per “limitare gli affitti a breve termine”.

Impossibile non disegnare un futuro assessorato ad hoc, facendo sorgere in ogni Municipio una “Casa della Salute” e sul tema sicurezza è garantita l’assunzione di 500 nuovi vigili.

Il futuro di Milano: il programma elettorale di Beppe Sala

Il sindaco di Milano ha pubblicato online sul suo sito -www.beppesala.it- il programma elettorale del centrosinistra. Il documento è il risultato di un lungo confronto tra le proposte delle otto liste che compongono la coalizione (Pd, Beppe Sala sindaco, Milano in Salute, Radicali, Milano Unita, i Riformisti, Europa Verde, Volt).

Sala dichiara “noi rappresentiamo ancora e sempre l’unica e vera novità politica per Milano, anche a costo di essere in discontinuità con noi stessi. Noi chiediamo alla città di rinnovarci la fiducia non semplicemente per completare il lavoro fatto nei primi cinque anni, ma per realizzare la nuova Milano protagonista del post Covid“.

Tra i principi irrinunciabili vi sono l’antifascismo, l’equità sociale e il valore dell’ambiente.

La chiave del successo per i prossimi cinque anni sarà sicuramente l’incorruttibilità, necessaria per gestire con “correttezza” e “trasparenza” i fondi del Pnrr; si aggiunge anche la capacità, già dimostrata nei fatti da Sala con Expo e con l’amministrazione del Comune, la traduzione degli investimenti in opere utili alla città garantendo “il rapporto tra leggi, tempi e risorse”; infine, non poteva mancare l’indipendenza, perché “Milano non ha bisogno di governanti yes men o yes women nei confronti dei potentati che li hanno eletti, a cominciare da Arcore e dintorni”.

Beppe Sala: il futuro di Milano nel 2026

  • “Milano sempre più semplice”: farà da collante tra la dimensione delineata anche con il Pgt, che allarga lo sguardo all’area metropolitana con i progetti di Mind sull’ex area Expo e della Città della Salute sulle ex aree Falck e che proietta oltre i confini urbani le nuove linee di metropolitana e la dimensione della città a 15 minuti fatta di quartieri.
  • “Milano sempre più verde”: prevede 20 nuovi parchi entro il 2030. Parchi che nasceranno sugli ex scali ferroviari. In aggiunta il progetto del “Parco metropolitano” che, ‘saldando’ insieme Parco Nord, Parco Sud e tutti gli altri parchi di cintura, contribuisca anche a raggiungere il traguardo dei 3 milioni di nuovi alberi da piantare per ForestaMi.
  • “Milano sempre più connessa”: “ogni quartiere” dovrà essere collegato puntando sui trasporti pubblici da rendere elettrici “al 100%”. Milano dovrà essere anche il più digitale possibile, in grado di offrire opportunità di lavoro in ogni zona “dislocando le imprese” e creando nuove sedi di co-working.
  • “Milano sempre più giusta”: si pensa ad un piano per la socialità e la cura che potenzi l’assistenza domiciliare. Si guarda anche ad hub alimentari in ogni Municipio, agli affitti low cost da spingere.
  • “Milano dei diritti”: bisognerà arrivare ad un’equa e vera parità di genere tra uomini e donne.

LEGGI ANCHE: Milano città sostenibile: i progetti che stanno trasformando la città

Leggi anche

Contents.media