×

Coronavirus a Milano: Beppe Sala vicino ai milanesi

Condividi su Facebook

Il sindaco Beppe Sala, nei giorni di emergenza per il Coronavirus, non ha mai smesso di mostrare la propria vicinanza ai milanesi.

Sono giorni particolari per Milano e provincia: le strade sono praticamente vuote, le persone preferiscono rimanere a casa e quasi tutto è chiuso. Ma come passerà le sue giornate il sindaco Beppe Sala durante l’emergenza Coronavirus? Per saperlo basta dare un’occhiata ai suoi profili sui vari social che sono costantemente aggiornati.

Coronavirus a Milano: i messaggi di Beppe Sala

Il Sindaco di Milano si è mostrato fin dai primi casi in Cina – quando si parlava solamente di psicosi da Coronavirus – attento alla questione. Sabato 8 febbraio faceva colazione in via Paolo Sarpi, presso il Centro Culturale Cinese, per “ribadire la solidarietà nei confronti della popolazione cinese“.

La “Colazione col sindaco” di oggi abbiamo scelto di tenerla al Centro Culturale Cinese, in via Paolo Sarpi. Non solo…

Pubblicato da Beppe Sala su Sabato 8 febbraio 2020

Poi, quando l’occhio del ciclone si è spostato in Italia, precisamente sulla Lombardia, i vari post con gli aggiornamenti e le decisioni prese. Lunedì 24 febbraio il primo video in cui invita i cittadini a non saccheggiare supermercati e a rispettare il decalogo delle regole anti-Coronavirus. Il suo occhio di riguardo va sempre ai più bisognosi che in questo momento sono gli anziani. Qualche giorno dopo fa visita anche ad alcuni centri per persone diversamente abili, che hanno bisogno di sostegno soprattutto in questo periodo.

“Chi ha bisogno non va lasciato solo“.

CDD: Centri Diurni Disabili. Oggi sono passato a ringraziare gli operatori. Chi ha più bisogno non va lasciato solo.
#forzamilano

Pubblicato da Beppe Sala su Mercoledì 26 febbraio 2020

Lo stesso giorno un altro video messaggio, in cui Beppe Sala stesso risponde alla domanda che ci siamo posti inizialmente: come passa le giornate il Sindaco al tempo del Coronavirus? Chiamate a Roma e chiamate ai vari ministri per discutere di cultura.

Quest’ultimo discorso molto importante per il Primo Cittadino, che manifesta la volontà di ricominciare proprio da qui: “La cultura è vita”.

Giovedì 28 febbraio un altro video accompagnato dall’hashtag “Milanononsiferma”. Un modo per incoraggiare tutti a stringere i denti in questo momento difficile in cui l’Italia intera non si ferma. Oltre a impegni politici e burocrazia si concede anche momenti di relax con qualche amico. Due birre e un brindisi, un gesto semplice dietro al quale si nasconde la voglia di andare avanti.

Visualizza questo post su Instagram

Un’altra dura giornata di lavoro… E poi c’è @alecattelan . #finalmenteaperitivo #forzamilano #milanononsiferma #epcc

Un post condiviso da Beppe Sala (@beppesala) in data: 27 Feb 2020 alle ore 11:00 PST

Scrivi un commento

1000

Leggi anche