×

Lavoro e maternità: nasce a Milano "Piano C"

Condividi su Facebook

Conciliare famiglia e lavoro è un annoso problema della società contemporanea. “Piano C” offre una soluzione davvero interessante.

Se il piano A non va a buon fine, e il piano B non porta da nessuna parte, bisogna cercare un ‘piano C’.

E nel lavoro se sei donna, in carriera e non, a Milano, il ‘piano C’ è perlomeno d’obbligo.

Aprirà a novembre in via Simone d’Orsenigo 18 (zona viale Umbria) uno spazio – Piano C appunto – per donne (mamme e non) e per uomini con figli al seguito. Leggiamo sul Corriere che l’idea è venuta a Riccarda Zezza, manager con due bambine.

Che ha raccontato:

“Dopo la seconda gravidanza in azienda mi stavano isolando, il fatto che uscissi alle 18 non era ben visto e mi sentivo incompresa.

Un’amica per caso mi ha parlato di coworking con baby parking, io ho studiato un po’ di casi stranieri e ho pensato di creare uno spazio del genere a Milano, in cui le mamme lavoratrici potessero non sentirsi sole”

L’obiettivo è anche coinvolgere le aziende:

“Invece di rientrare in sede con i bimbi piccoli e il problema degli orari, le dipendenti potrebbero lavorare da noi. Così potremmo dimostrare che le donne sono produttive anche se hanno figli neonati.

Ed evitare che una donna su tre, come accade ora in Italia, molli il lavoro dopo la maternità”

Ecco quali sono i servizi offerti:

– COWORKING: postazioni lavoro, sale riunioni, cucina, area relax

– COBABY: educatrici a disposizione per i bambini

– FORMAZIONE

– SALVATEMPO: un maggiordomo sbrigherà le faccende che ‘tolgono energie alle mamme’.

TARIFFE

– 16€ euro al giorno se si acquistano ingressi in carnet

– 25€ se si sceglie l’ingresso singolo

– 300€ per l’abbonamento mensile

LINK UTILI

Giovani e donne, lavoro e politica: due incontri questa sera alla Festa Democratica per confrontarsi.

Le donne “sbagliano” se fanno i figli o se non li fanno? La storia di Stefania Boleso, ex marketing manager di Red Bull Italia.

Pari opportunità, i figli sono un pericolo per la carriera? Intervista a Stefania Boleso, la manager cacciata dalla Red Bull.

Donne forzate a casa in tempo di crisi: le Caporetto delle pari opportunità.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche