×

Riapertura di San Siro: distanziamento solo nei primi anelli

Condividi su Facebook

I tifosi in curva non rispettano le distanze, a causa del caldo poche mascherine.

Partita San Siro

Sono tornate a popolarsi le tribune di San Siro in occasione della prima partita di Serie A dell’Inter: capienza limitata al 50% e disposizione dei tifosi a scacchiera, come richiesto da Lega e Figc ma in molte occasioni il distanziamento è saltato.

Riapertura di San Siro: distanziamento e mascherine

Erano 27.402 i tifosi presenti sabato 21 agosto allo Stadio San Siro. Code lunghissime, ma ordinate erano pronte ad acclamare l’esordio di Dzeko e Calhanoglu. Dopo una lunga attesa è stato possibile sedersi in tribuna, ma la disposizione a scacchiera non è stata rispettata del tutto. Lo speaker ha più volte ricordato, invano, il divieto di assembramento. Solo i primi anelli hanno rispettato il distanziamento, in curva posti più ravvicinati, torsi nudi e abbronzatura power.

San Siro in festa per la riapertura con l’Inter

Il risultato non ha contribuito ad aiutare il distanziamento: via libera ad abbracci, festeggiamenti e incontri ravvicinati. Immancabile l’urlo di battaglia “Chi non salta rossonero è”. Applausi a non finire, dopo il goal di Skriniar, il primo della stagione. Sugli spalti poche le mascherine indossate, scomparse alla risalita delle scale.

Riapertura San Siro: presenti baracchini e furgoncini

Al di fuori del Meazza, non potevano mancare baracchini delle sciarpe e furgoncini dei panini con la salamella.

Pochi i tifosi che hanno acquistato, a causa del caldo e distratti dalla ricerca del triage dove presentare green pass e documento di identità. Evitati eccessivi brontolii, nonostante i ritardi nell’accesso all’impianto.

LEGGI ANCHE: “Milano Unita”: il progetto per lo stadio di San Siro

Leggi anche

Contents.media