×

I redditi di sindaco e assessori: quanto guadagna Beppe Sala?

Condividi su Facebook

Grazie alla decisione del Comune di rendere pubblici i redditi di assessori e primo cittadino, è possibile sapere quanto guadagna Beppe Sala.

Lo vediamo sempre impegnato in eventi, consigli straordinari, inaugurazioni e molto altro. Nel mese di dicembre lo abbiamo visto presentare il presepe a Palazzo Marino con il Sindaco di Napoli e abbiamo ascoltato le sue parole sul futuro si San Siro, con un’agenda sempre fitta di impegni ma pur sempre sorridente e attivo (anche sui social).

Ma quanto guadagna Beppe Sala? La domanda trova presto risposta, grazie al Comune di Milano che ha pubblicato sul proprio sito i redditi di tutti, sindaco e assessori.

Quanto guadagna Beppe Sala?

Cercando di stilare una classifica, che vede al primo posto il più ricco di Palazzo Marino, avremo non poche sorprese. Infatti al vertice non troviamo il Primo Cittadino, ma Roberta Guaineri, l’assessore allo sport (e avvocato). Per il 2018 ha dichiarato un reddito di ben 388 mila euro.

Al secondo posto, rimanendo in giunta, si posizione l’assessore al bilancio Roberto Tasca, con quasi 178 mila euro. Sale per un pelo sul podio Beppe Sala, che si aggiudica la terza posizione con poco meno di 114 mila euro, oltre ad azioni e quote (20%) in Kenergy Spa.

Passando al Parlamentino chi ha dichiarato un reddito più alto è Emmanuel Conte di Milano Progressista, con 319 mila euro. Seguono Manfredi Palmeri di Io Corro per Milano (242 mila euro) e Luigi Pagliuca di Forza Italia (204 mila euro).

C’è però chi ha dichiarato cifre decisamente più basse, come ad esempio i 18.793 euro di Alessandro Giungi del Pd, 15.612 euro per Dem Emilia Bossi Moratti e 13.400 euro di Andrea Mascaretti, Fratelli d’Italia.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Redazione Milano Notizie.it

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono Milano e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.

Leggi anche