×

Formigoni e l'affaire Daccò: oggi si discute la mozione di sfiducia

Condividi su Facebook

Il centrosinistra, particolarmente agguerrito dopo la vicenda Daccò, chiede a gran voce le dimissioni del presidente della Regione Lombardia.

UPDATE! La mozione è stata respinta.

La mozione di sfiducia contro Roberto Formigoni è arrivata questa mattina in Consiglio regionale.

Leggiamo sul Corriere che la mozione, firmata da tutti i gruppi del centrosinistra e appoggiata anche dall’Udc, si è evidenziato che l’attuale legislatura è

“pesantemente segnata, sin dall’inizio, da diverse preoccupanti vicende che hanno fatto emergere su più fronti gravi problemi di rispetto della legalità”

Il capogruppo del Pdl, Paolo Valentini, ha dichiarato :

“Spero che si parli di politica.

Basta con i pettegolezzi. Noi andiamo avanti con questa maggioranza e questo presidente: siamo sempre aperti a contributi, ma basta gossip dentro e fuori il Consiglio”

Pettegolezzi…‘nzomma.

Comunque: il governatore dovrà difendere l’operato della sua giunta e ribadirà di non essere disponibile a fare passi indietro. E ha annunciato querele nei confronti del suo ex assessore alla Sanità Alessandro Cè e dell’ex memor Domini Bruno Vergani, ‘colpevoli’ di interviste che hanno evidenziato “null’altro che livore personale”.

Intanto, per ‘alleggerire’ il momento, vi riproponiamo l’esilarante e riuscitissima imitazione di Formigoni del comico Maurizio Crozza.

LINK UTILI

Formigoni e le accuse di Daccò: la lettera, “Non cederò ai ricatti”.

Formigoni, Daccò, il conto da 26 mila euro al Sadler e il Milionario di Jocelyn.

Formigoni e le accuse di Daccò: falsi contratti di noleggio per 144mila euro.

Formigoni vacanze pagate: Daccò confessa ma Formigoni non si dimette.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche