×

Umberto Bossi dimissioni: il ruolo di Renzo nello scandalo

Condividi su Facebook

Dopo le dimissioni del padre arriveranno anche quelle del figlio da consigliere regionale della Lega Nord?

E alla fine l’Umberto (Bossi) si dimise da Segretario della Lega Nord, dopo gli scandali che hanno travolto in questi giorni il Carroccio, e la sua prole.

La base leghista, nonostante stia ricorrendo da ore a pratiche da manuale di autosostegno (vedi striscioni “Bossi la Lega sei tu”), sta fronteggiando la sua crisi più nera.

Racconta il Corriere le reazioni alla notizia delle dimissioni:

“Non è vero, sono solo voci messe in giro da qualche maroniano, ma noi non abbocchiamo”

‘Purtroppo’ è tutto vero, e ce lo immaginiamo lì il Senatur, in via Bellerio, solo e immerso nei mille pensieri sui suoi figli.

Su uno in particolare: il suo ‘delfino’, anzi, la sua ‘trota’. Che gli avrebbe raccontato un mucchio di frottole, dicevamo stamattina.

Panzane di cui tutti sarebbero stati a conoscenza. 

Intanto Renzo è ancora lì, sul suo scranno da consigliere della Regione Lombardia.

Ma fino a quando? Di cosucce da spiegare ne ha, infatti, parecchie.

Sarebbe stato proprio lui a portarsi via “i faldoni della casa per timore di controlli” dalla sede del partito, spiega il quotidiano.

La ristrutturazioni della villa di Gemonio infatti sarebbero state pagate secondo gli investigatori con i rimborsi elettorali. Dalle intercettazioni è emerso anche un episodio legato a un presunto fascicolo formatosi sul figlio di Bossi “che sarebbe stato affossato da ‘Silvio'”.

Intanto è già stato nominato il ‘triumvirato’ che sostituirà il Senatur, formato da Roberto Calderoli, da Roberto Maroni e da Emanuela Dal Lago.

E, ricorda Eleonora Bianchini intervistata da Valeria Gentile su Reporters, “la Lega non è certo nuova agli scandali: in passato ci sono state la tangente Enimont e lo scandalo della Banca Padana Credieuronord“.

(fonte immagine infophoto)

LINK UTILI

Francesco Belsito indagato: truffa per rimborsi elettorali, è terremoto nella Lega.

Tangenti Lega Nord: Boni non si dimette; fiducia da Bossi, Maroni.

Renzo Bossi videointervista: basta facebook e twitter in Regione!

Regione Lombardia News: indagati per corruzione Davide Boni e Luigi Zunino.

Luigi Zunino, dopo le dimissioni per l’inchiesta su Risanamento, indagato per la bonifica dell’area Santa Giulia.

Lega Nord scandalo: denaro pubblico alla famiglia Bossi, Belsito si dimette.

Lega Nord fondi esteri: i dirigenti del partito a Umberto Bossi, “Renzo ti ha mentito”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche