×

Al via piano emergenza smog a Milano

Condividi su Facebook

Smog Milano

La situazione del livello di inquinamento presente a Milano sta ormai diventando sempre più insostenibile e così dopo avere registrato per dodici giorni consecutivi il superamento del livello di polveri sottili che è consentito e pari a 50 microgrammi per metrocubo si è deciso di correre ai ripari e mettere in atto misure di emergenza che prendono il via nella giornata di oggi.

A promuovere queste decisioni è stata la giunta presieduta dal sindaco Letizia Moratti, che è stata la principale sostenistrice del blocco dei veicoli inquinanti che sarà in vigore domenica prossima, 30 gennaio, e che dovrà essere rispettato per tutto l’arco della giornata. Il divieto di circolazione andrà quindi a riguardare tutta l’area del capoluogo lombardo e coinvolge i veicoli a benzina euro 0 e i diesel euro 0, euro 1 ed euro 2 non dotati di filtro antiparticolato, ma non potranno essere utilizzati anche i ciclomotori, motocicli, tricicli e quadricicli a due tempi euro 0 ed euro 1 ed euro 1 con motore a gasolio.

Sarà importante comunque salvaguardare un po’ tutta la qualità dell’aria che appare sofferente in questo periodo non solo per il traffico ma anche per le condizioni atmosferiche e proprio per questo non sarà possibile utilizzare nemmeno i fuochi d’artificio, fumogeni e petardi, strumenti che normalmente vengono utilizzati in luoghi come gli stadi e proprio per questo per evitare di incorrere in sanzioni anche nei confronti delle società calcistiche sarà importante rispettare questa decisione.

Sarà comunque quasi del tutto impossibile sorvolare su questa ordinanza perchè circoleranno per tutta la città di Milano ben centoquaranta pattuglie della polizia per sorvegliare la situazione, ma non è escluso che venga deciso anche un blocco totale della circolazione per la giornata di domenica, anche se un’eventuale comunicazione in merito verrà data solo sabato dopo avere effettuato opportune verifiche sulla situazione nei prossimi giorni.

Immagine tratta dal sito www.ecoo.it

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche