×

Milano ricorda Piazza Fontana ma contesta la Moratti

Condividi su Facebook

Piazza Fontana

Sono passati ormai quarantun anni dalla strage di Piazza Fontana, avvenimento che nonostante il passare del tempo ha segnato profondamente Milano visto che in seguito a quell’attentato terroristico che ha portato allo scoppio di una bomba presso la sede della Banca Nazionale dell’Agricoltura sono venute a mancare diciassette persone e altre ottantotto sono rimaste ferite.

In occasione dell’anniversario i dirigenti più importanti della città hanno scelto di essere presenti alla tradizionale cerimonia di commemorazione che si tiene ogni anno e tra questi dobbiamo segnalare l’intervento del sindaco Letizia Moratti e del presidente della Provincia di Milano Guido Podestà, anche se ha certamente stonato rispetto al clima di ricordo delle vittime che avrebbe dovuto prevalere la contestazione da parte di un gruppo di giovani appartenenti ai centri sociali nei confronti del primo cittadino del capoluogo lombardo.

La Moratti non ha voluto comunque commentare gli slogan negativi che sono arriviati contro la sua persona e ha invece preferito concentrarsi su quella che doveva essere una cerimonia importante in ricordo di chi non c’è più in seguito di quell’attentato per fare in modo che il loro sacrificio non sia stato vano, mentre Podestà ha lanciato qualche frecciata nei confronti dei contestatori, per la maggior parte giovani, invitandoli a riflettere e a prendere spunto dagli adulti.

Il silenzio ha comunque tornato a regnare in piazza nel momento cui sono state riposte le corone dedicate alle vittime e in cui ha avuto l’occasione di parlare il presidente dell’Associazione Vittime di Piazza Fontana, Carlo Arnoldi, grazie al cui intervento è stato possibile osservare un minuto senza urla e schiamazzi. Quest’anno all’elenco dei caduti è stato inoltre aggiunto anche il nome di Giuseppe Pinelli, anarchico morto in questura il 15 dicembre e che era stato accusato di essere il responsabile dell’attentato, anche se si è poi avuto modo di verificarne l’estraneità.

Immagine tratta dal sito www.cadutipolizia.it

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche