×

Comunali 2011, nulla di nuovo sotto il sole: proposte di candidati, alleanze e spese folli

Condividi su Facebook

Nel 2011 scadrà il mandato di Letizia Moratti come sindaco di Milano e i sondaggi sono già scatenati. La sua ricandidatura è quasi certa, mentre lo sfidante del Pd stavolta sarà Giuliano Pisapia, che ha presentato la sua candidatura il mese scorso al Teatro Litta.

Anche se fino all'ultimo tutto potrebbe cambiare.

Il Pd ha avuto il buonsenso di non richiamare Penati per la -probabile- terza sconfitta consecutiva e Pisapia (o chi sarà), dal canto suo, farebbe bene a raccomandarsi a un santo dal sicuro miracolo.

La sfida infatti è titanica, anche perchè oltre che sul fronte politico la battaglia si combatterà a suon di verdoni. Basti vedere cosa è successo nel 2006, quando l'ex prefetto Bruno Ferrante tentò la scalata a Palazzo Marino.

I dati li potete trovare a pag 153 de La Casta, il libro di Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella del 2007.

La signora Letizia Brichetto Arnaboldi infatti è coniugata con il signor Gianmarco Moratti, figlio di Angelo e fratello di Massimo, che versò al comitato elettorale della consorte ben 6.335.000 euro.

D'accordo che le campagne elettorali si dovrebbero fare sui programmi, ma dall'altra parte Ferrante, pur "mettendocela tutta" come in seguito ha dichiarato, ne aveva raggranellati soltanto 694.000.

Una lotta impari. E il Pd non può star lì a fare flanella. Un segnale positivo arriva da Change Milano, il progetto lanciato da Davide Corritore, che però è solo un inizio.

Analizzeremo questi anni di governo Moratti più avanti (si voterà a maggio), ma intanto anche il Pdl è fermo su un punto dolente. Il vicesindaco sarà del Pdl o della Lega?

Si tratta di una scelta di campo cruciale. Roberto Castelli punta su Matteo Salvini, seguendo la strada indicata dal Senatùr qualche giorno fa.

Ma Riccardo De Corato ovviamente resta il favorito del Pdl, come ha spiegato Ignazio la Russa a IlGiornale.

Infine, resterà il nodo Udc? Oggi Roberto Formigoni ha detto:

"Se con l'Udc maturano condizioni di dialogo, alle prossime amministrative, a Milano, Torino e anche in altre città si potrebbe correre insieme. In autunno andranno definite alleanze e candidati e potrebbe essere un'occasione positiva"

Davide Boni però ha rispedito al mittente ogni ipotesi.

 
2 Post correlati Forza Nuova: dopo le proteste il Comune revoca l’assegnazione dello stabile in corso Buenos Aires Il Pdl sostiene Silvio Berlusconi in vista del voto del 14 dicembre: le foto del comizio in Piazza Duomo Rinviato il comizio del Pdl, a un anno di distanza dall’aggressione al premier: oggi corteo antifascista per Piazza Fontana Comunali 2011: colpo di scena, Gabriele Albertini si tira indietro “

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche