×

Regionali 2010, Filippo Penati come avversario di Roberto Formigoni? Dubbi sul candidato Pd

Condividi su Facebook

Se la notizia sarà confermata è una vera e propria bomba: secondo Affaritaliani il candidato Pd alle Regionali del 2010 contro Roberto Formigoni sarà Filippo Penati, ex presidente della Provincia di Milano, coordinatore della mozione Bersani e responsabile della segreteria nazionale.

O meglio: Filippo Penati sarebbe il candidato avversario del candidato Pdl perchè come vi accennavamo ieri su Formigoni non c'è certezza. L'entourage di Penati ha fermamente smentito la candidatura, ma Affaritaliani sostiene che la presentazione ufficiale avrà luogo il 14 dicembre a Milano. Alla manifestazione parteciperà Bersani, che affiderà a Penati la "mission impossible".

Di sicuro, chiunque sarà il candidato Pd, sarà davvero una missione impossibile. Se non impossibile di sicuro molto ardua, uno scontro all'ultimo sangue tra Pd e l'asse Pdl/Lega.

Trovare una persona 'forte' almeno tanto quanto il presidente uscente è una preoccupazione molto sentita nel partito d'opposizione, anche se al momento i rapporti tra Pdl e Lega in Regione sembrano essere piuttosto turbolenti. 

A spingere per Penati ci sarebbe Maurizio Martina, segretario del Pd lombardo. Secondo quanto riporta Affaritaliani

"la decisione di Bersani risponde alla logica bersaniana della 'ditta'. In pratica, bisogna lavorare per il Partito, anche a costo di spendersi in battaglie molto difficili.

E il segretario avrebbe deciso – rompendo gli indugi – di schierare su Milano il suo uomo di punta"

Penati insomma avrebbe molti punti a suo favore:

"ha dialogato molto con il centro ma resta un'icona di sinistra. E se non vincerà ma confermerà gli ottimi dati sulla città di Milano della sconfitta contro Podestà, potrebbe addirittura non uscire di scena in vista delle Comunali del 2011"

Dopo le Regionali infatti ci sono le Comunali e anche il trono di Palazzo Marino è molto ambito.

Soprattutto dai 'delusi' del sindaco attuale.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche