×

Scritte sui muri contro Beppe Sala: “Gli insulti non mi toccano”

Condividi su Facebook

Scritte di insulti per il Sindaco Beppe Sala a Corvetto, proprio durante un'intervento nel quartiere per parlare di riqualificazione.

Scritte di insulti e proteste nei confronti del sindaco Beppe Sala, proprio durante un suo intervento a Corvetto. Nella mattinata del 14 febbraio 2020 si trovava lì per assistere a un’iniziativa di riqualificazione di quella zona. Il Primo Cittadino ha commentato l’accaduto: “Gli insulti non mi toccano”.

Insulti al sindaco Beppe Sala

Sono comparse nella notte le frasi di disprezzo e di denigrazione in piazzale Ferrara. I murales dei bambini delle scuole, pensate per abbellire i muri del mercato rionale, sono stati oscurati da parole nere, scritte con rabbia. “Corvetto ti odia”, “Infame”, “Torna nei quartieri di lusso” sono solo alcuni degli insulti nei confronti di Sala. Ma non è l’unico preso di mira: ce n’è anche per Cariplo, la fondazione a base di molte iniziative per la riqualificazione.

“Gli attacchi non mi toccano – commenta il Sindaco – mi spiace che pensino che queste iniziative sono per fare business.

Tocchino me ma non la Fondazione Cariplo. Quando i signori che stanno contestando qui fuori avranno fatto un’unghia di quello che ha fatto la fondazione per la città di Milano allora potremmo riparlarne. E quando facciamo sgomberi, questi sono necessari e quando li facciamo abbiamo cura di tutelare le situazioni di fragilità. Questa non è una dichiarazione di principio per il futuro, ma è la storia di questa amministrazione e anche della precedente”.

Durante tutto l’evento si sono affollati all’esterno alcuni protestanti e non è la prima volta che accade. Già nel 2018, sempre presso il quartiere Corvetto, si sono verificati episodi di questo genere.

Scrivi un commento

1000

Leggi anche