×

Pippo Inzaghi: il neoallenatore punta su El Shaarawy

Condividi su Facebook

Filippo Inzaghi comincia la stagione 2012-13 nelle inusitate vesti di allenatore degli Allievi del Milan, e nel frattempo fa le carte al campionato e alla squadra rossonera, puntando sul suo erede in attacco: El Shaarawy

Pippo Inzaghi, stagione nuova, vita nuova, ma chi, visto com’è l’andazzo di casa Milan, non lo vorrebbe rivedere ancora nella vecchia? E invece eccolo lì, a Pinzolo, a fare da ‘chioccia’ alla squadra Allievi del Diavolo.

Una scelta bizzarra, quella della società rossonera: si dice di voler puntare sui giovani, ma poi si sceglie il più inesperto dei tecnici per un gruppo delicato come quello degli Allievi, anche se l’esempio di SuperPippo può valere più di mille parole.

“Preferisco essere chiamato mister e non più Pippo – questo è il suo esordio -. Onestamente non mi aspettavo un’accoglienza di questo tipo, c’erano davvero tanti tifosi. Fra gli allenatori che ho avuto sicuramente quelli che mi hanno lasciato qualcosa in più sono stati Cagni e Mutti.

Anche Ancelotti mi ha insegnato tanto e mi ha anche chiamato alle 8.30 per ricordarmi che c’era l’allenamento. Giocherò con quattro difensori, che è un dogma del Milan, e tre attaccanti. Sulla carta saremo una squadra molto offensiva”.

Inzaghi ha parlato anche a SkySport24, raccontando le emozioni del primo giorno da allenatore: “Sono sensazioni strane, nuove, difficili da descrivere, forse pensavo fosse più semplice ma è bello vedere tutto l’affetto che mi circonda.

Era più facile fare il calciatore, ma e’ una nuova sfida e sono contento di farla con il Milan. Potevo giocare ancora, ma visto che non potevo farlo con il Milan ho preso questa decisione”. Infine, sul Milan e su chi potrà raccogliere la sua eredità: “Mi auguro che El Shaarawy faccia una bella stagione, so che ragazzo è e gli auguro di dare il meglio. Ai ragazzi dico che l’importante è avere tanta voglia di giocare e di far bene, la stessa che avevo io e che la gente, dopo vent’anni di carriera, ancora mi riconosce”.

(foto: Infophoto)

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche