×

Armani Jeans, tutto quello che poteva essere e non è stato

Condividi su Facebook

Lo so, fa male tornarci, ma il week-end calcistico aveva attirato l'attenzione su di sé (troppa) lasciando sguarnitsa la penna per parlare dell'Armani Jeans Milano, sconfitta sul parquet della Sigma Coatings Montegranaro, impostasi per 77-72 nell'anticipo di mezzogiorno della penultima gara del girone di andata.

Nel giorno dell’esordio in biancorosso di Sani Becirovic, arrivato venerdì a Milano e in campo con la maglia numero 32, coach Bucchi parte con un quintetto tutto italiano con Bulleri, Mordente, Viggiano, Mancinelli e Rocca. Partenza sprint per gli ospiti: il primo canestro della Sutor è di Ivanov dopo quasi 3’, ma a metà del primo quarto l’Olimpia è avanti 10-4. Montegranaro riesce comunque a recuperare la distanza e chiude in pareggio il primo quarto: 18-18.

Nella seconda frazione i locali tengono testa, ma la risposta milanese è immediata. Montegranaro fatica e Milano incalza. Punto a punto per tutto il periodo. La concentrazione della squadra di casa resta alta nonostante il tentativo di Milano, si prosegue punto a punto. L’ultimo possesso del quarto è dei padroni di casa: ne nasce una conclusione forzata ma a segno di Tsaldaris contro l’ottima difesa di Mordente che fissa sul 38-37 Olimpia il punteggio del primo tempo.

Al rientro dalla pausa si fa vedere Montegranaro. Magistrale la prestazione di Cavaliero (valutazione personale 12) in team con Antonutti (9) che realizzano a canestro quasi tutte le azioni. A un minuto dalla sirena nuova tripla di Cavaliero (55-46), Milano tenta di resistere, ma alla sirena il terzo parziale è di 55-49, con la squadra di Bucchi che in questo quarto ha segnato solo 11 punti.
Nell'ultimo periodo i milanesi tentano il tutto per tutto, ma i padroni di casa resistono: a 4’1 dalla fine sono avanti 71-60 dopo due liberi di Becirovic che esce per Mordente.

Il numero 9 milanese viene sanzionato con un’infrazione di 'palming', protesta e gli arbitri lo puniscono con un tecnico che fa male. Mordente però piazza la tripla e Milano si rifà sotto e si porta addirittura al -3, quindi al -4, ma sul possesso successivo l’AJ perde palla e Bulleri è costretto a commettere il suo quarto fallo su Marquinos. Momenti convulsi, Milano è a -2 a 40" dalla fine. Brunner sbaglia l’incredibile, Bulleri perde palla, Marquinos falliscel’entrata e Rocca commette fallo su Cavaliero.

Dalla lunetta è 2/2, Bulleri fallisce la tripla e Cinciarini sigilla il risultato finale.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche