×

E' Seedorf, il più fischiato in campo, a ridare al Milan il sorriso

Condividi su Facebook

Basta l'1-0 per vincere. Basta l'1-0 per sperare. Basta l'1-0 per tirare avanti. Ma per quanto? Il tifoso del Milan è stanco, non ne può più, specie da quando 'quelli là' hanno preso il brutto vizio di vincere scudetti a raffica.

Sono cose 'che non fanno bene al calcio', specie se da una vita si va in Curva Sud. E allora capita di sentire fischiare quella che da sempre viene considerata una fra le tifosrie più calde d'Italia, e il giocatore a essere fischiato è Clarence Seedorf, fuoriclasse puro, l'uomo che, anche contro il Cagliari, decide la partita. 1-0 e tutti a casa, compresi quelli che lo fischiavano.
Ma è troppo poco, anche perché di quest'anno, ammesso e per nulla concesso che la squadra di Carlo Ancelotti porti a casa la Coppa Uefa, rimangono i proclami di scudetto lanciati dalla dirigenza e non rispettati.

La partita comunque, con un Milan decimato dalle asssenze (fuori anche Pato e Ronaldinho, in panchina arriva Viudez) è ricca di episodi, a cominciare dall'ennesimo gol di Inzaghi annullato per fuorigioco (21') per continuare con l'ottimo Cagliari che si esibisce con le giocate di Acquafresca e Cossu, quest'ultimo uno dei migliori in campo, che coglie un palo pazzesco ad Abbiati battuto (ma il portierone rossonero era stato decisivo con almeno un paio di interventi).

Il Milan può recriminare anche per un atterramento di Flamini in area cagliaritana da parte di Conti, ma se qualcosa viene tolto ai milanesi in questo caso, viene ampiamente restituito al 65', quando Inzaghi commette fallo su Lopez, che ostacola così Marchetti, permettendo a Seedorf di insaccare il gol vittoria. Si finisce con un bel colpo di testa di Maldini, e uno sguardo a un futuro fatto ancora di tante partite che vedranno la squadra di Ancelotti lottare con l'obiettivo di entrare direttamente in Champions League. Ma non sarà facile. Che miseria…

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche

Contents.media