×

Il dramma della Sparkling: niente più volley a Milano

Condividi su Facebook

Il volley milanese è deceduto. Ancora una volta Milano, schiava del calcio, non riesce a tenere in vita la pallavolo. Il basket regge grazie alle casse di Giorgio Armani, ma per la Sparkling Milano non c'è stato nulla da fare. Ancora non c'è nessuna certezza, ma il prossimo anno al posto della squadra meneghina ci sarà Pineto.

La Lega Pallavolo Serie A formulerà il suo parere entro le ore 12 del giorno 2 giugno 2008.

E adesso? Adesso la situazione è tragica, perché dietro alla morte del volley ci sono tante persone che difficilmente riceveranno stipendi e pagamenti vari. Ieri i procuratori dei giocatori si sono incontrati in Lega per decidere una linea comune, nella speranza di ottenere gli arretrati. In realtà difficilmente riceveranno più della metà di quanto gli spetta.

Nella stessa situazione tutte quelle persone che lavoravano per la Sparkling. Lascia addirittura sorpresi vedere che il sito ufficiale viene ancora oggi aggiornato.

Ma che fine ha fatto il patron Claudio Giovanardi? Nessuno lo sente più da qualche mese. Pare non stia bene e sia addirittura costretto in un letto, ma queste sono solo voci che ho raccolto in questi giorni. Vanno prese con le pinze. Di certo ci sono solo i debiti che vanno dai 2 ai 3.5 milioni di euro.

Sono una somma davvero elevata, ma fa sorridere il fatto che con un terzo del suo stipendi annuale il buon Kaka' potrebbe tranquillamente salvare il volley meneghino.

Silenzio tombale da parte di Lapo Elkann che qualche tempo fa ha detto ai giornali di avere abbandonato il "sogno" Sparkling, ma che in società ufficialmente non ha mai lasciato la carica di presidente onorario. Avrebbe dovuto portare visibilità e magari qualche buon sponsor, ma il progetto è naufragato in tempi brevissimi (ne ho già parlato qui).

Insomma, non c'è più niente da fare. Il prossimo anno non ci sarà la pallavolo a Milano. Poi tra qualche anno tornerà e dopo qualche tempo morirà di nuovo. Milano non è una città per vecchi. Tanto meno per amanti del volley.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche