×

Inter, il lato oscuro dei festeggiamenti: vetri, bottiglie e rifiuti in Duomo (le nostre foto)

Condividi su Facebook

La domenica di festa interista ha lasciato dei segni a Milano, soprattutto sul campo di San Siro. Infatti dopo la consegna della Coppa dei Campioni d'Italia molti tifosi hanno invaso il terreno di gioco devastandolo. Porte distrutte, panchine danneggiate e campo totalmente da rizollare per un totale di 50mila euro di danni.

Qui però non voglio parlare dello stadio, ma del tifo calcistico che spesso e volentieri diventa vandalismo quando c'è da festeggiare una vittoria. Domenica sono stato in Piazza del Duomo per filmare l'euforia interista dopo la conquista del 16.o scudetto. Mi sono trovato di fronte un tappeto vetri e rifiuti di ogni genere. Bottiglie, lattine, ombrelli e trombette rendevano praticamente impossibile il cammino (guarda le nostre foto qui nel post) e dato il terreno scivoloso per la forte pioggia aumentavano il rischio di cadute.

Il mio non è un attacco nei confronti dell'Inter o dei suoi tifosi. Quando l'Italia vinse i Mondiali del 2006 alcuni tram vennero danneggiati, quando il Milan vinse la Champions League le mucche della Cow Parade furono distrutte e bruciate. Insomma, gli italiani (e in questo caso i milanesi) sembrano mancare di educazione civica. Mi chiedo solo perché nessuno intervenga per fermare la vendita da parte degli ambulanti di bibite alcoliche e non durante questa giornate.

Le bottiglie in vetro vengono poi infrante creando forti disagi e tutti i presenti. Un bambino (ma anche un adulto) cadendo potrebbe farsi molto male. Dobbiamo aspettare una tragedia prima di vedere intervenire il Comune e le forze dell'ordine?

Per vedere le foto della festa scudetto in Duomo cliccate qui
1 Post correlati José Mourinho parla, e anche Blogosfere si spacca Il Giro d’Italia si rilancia in grande stile a Milano “Ring Rules Kick Boxing & Show”, sabato 30 aprile all’Agorà Robinho porta lo scudetto a casa del Diavolo “

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche