×

Niente vigili obesi, entra in vigore la delibera con standard fisici per i ghisa

Condividi su Facebook

Troppo grasso: scartato. E' ciò che rischiano di sentirsi dire i prossimi partecipanti al bando per i nuovi 50 vigili urbani milanesi in programma per la fine di ottobre. L'editto Moratti è stato approvato la scorsa settimana dalla giunta comunale e quindi è aperta la caccia all'aitante ghisa.

Sotto il mirino del bell'aspetto – detto anche modifica dei requisiti sanitari per l'accesso nel Corpo di Polizia municipale – non solo gli aspiranti vigili obesi, ma anche anoressici. Le rigide qualità fisiche necessarie per fare parte del Corpo, appunto, sono state istituite per garantire le attività operative.

Basta funzionari a "marcire" negli uffici, bisogna scendere in strada a difendere i cittadini e per farlo ci buole un fisico adeguato.

Immaginate l'inferno di polemiche scatenate da questa decisione.

Razzismo, discriminazione, concorso di bellezza, non si è risparmiato nulla. Primi fra tutti si sono lamentati i sindacati dei vigili, che considerano la modifica incostituzionale e minacciano piogge di ricorsi se effettivamente verrà tenuta in considerazione la stazza dei concorrenti per la scelta finale dei posti vacanti.

Felici e contenti della novità, invece, sindaco, vice sindaco e centrodestra tanto che propongono ai non-idonei agli standar imposti, ma già in servizio, di andare in palestra.

L'idea, bisogna ammetterlo, è bizzarra e fa sorridere, però non crediamo sia così folle. Non si sta assolutamente chiedendo di essere perfetti e tanto meno belli. Avere una corporatura magra, nel giusto (non credo si metteranno con il metro a misurare il punto vita), non significa essere belli, ma in salute e di conseguenza fisicamente più attivi e forse più predisposti ad un lavoro "in strada". Soprattutto questo tipo di requisito (nè trroppo grassi nè troppo magri) non è l'unico criterio di scelta su cui si basa il bando e non va a prevalere su tutto il resto.

Purtroppo non è bello mettere dei "paletti" o delle "etichette" a categorie professionali, però se si fosse deciso di richiedere un titolo di studi specifico o delle attitidini peculiari che comunque avrebbero escluso dei candidati non si sarebbe alzato tutto questo polverono. Quello che da fastidio è più il fatto che sia un fattore fisico a fare la differenza, ma non c'è niente di male. Il lavoro del vigile urbano forse richiede anche questo, andare due volte alla settimana in palestra e tenersi in forma non ha mai ucciso nessuno.

Proviamo, piuttosto, a concentrarci su quello che è veramente imposrtante: perchè solo 50 posti verranno assegnati nel prossimo bando quando si sa benissimo che servono molti più rinforzi tra le fila della polizia municipale? Si parla in continuazione di sicurezza e i ghisa sono proprio questo: sicurezza. E se saranno alti, belli, biondi e con gli occhi azzurri non significa che non siano anche bravi.

Scrivi un commento

1000

Leggi anche