×

Stadio San Siro, Pillon: “Non è già tutto deciso, spazio a tutti”

Andrea Pillon, coordinatore del dibattito pubblico sul nuovo stadio, afferma: "I progetti escono sempre cambiati"

Pillon su San Siro: "Non è già tutto deciso, spazio a tutti"

Andrea Pillon, coordinatore del dibattito pubblico sul nuovo stadio, rende note alcune criticità. Scopriamo quali sono.

Le criticità di San Siro e la critica a Pillon: “Il dibattito è una farsa”

In primis il rapporto capienza-costo dei biglietti.

Durante il primo incontro la maggior parte delle domande ha riguardato la preoccupazione che la capienza ridotta a 60mila posti possa portare a un aumento del costo dei biglietti, escludendo così le fasce più deboli. Inoltre, stanno emergendo altre criticità riguardanti gli impatti ambientali e la qualità di vita dei residenti: la vicinanza alle case, i cantieri, la decostruzione di San Siro, il rumore, le vibrazioni, la mobilità.

Attualmente al dibattito hanno partecipato circa 1700 persone, 400 e più in presenza e circa 1450 online.

Ci sono stati 68 interventi, 37 da parte dei club e del Comune e 41 da parte cittadini. Il confronto è durato più di mille minuti: 544 sono stati dedicati alle presentazioni del progetto e 560 agli interventi del pubblico, al fine di mantenere il maggior equilibrio possibile.

A chi contesta il fatto che il dibattito pubblico non serva a nulla e sia una farsa, Pillon risponde: “Nella mia esperienza di dibattiti nessun progetto è mai uscito uguale a come è entrato.

Qualcosa cambia sempre, non è una messa cantata. Alcuni comitati contestano il fatto che il dibattito non sia fatto su un progetto definitivo ma su uno studio di fattibilità. Ma se ci fosse stato il progetto definitivo allora sì che sarebbe stata una messa cantata perché non si sarebbe potuto cambiare nulla, mentre qui ci sono tante cose che possono cambiare“.

San Siro, Pillon: “Far sentire a proprio agio chi entra nel dibattito”

Nessun dubbio sulle risposte dei club in merito alle volumetrie: nel dossier delle squadre c’è una tabella in cui si fanno i calcoli delle superfici, quelle dentro lo 0,35, quelle convenzionate.

Infine, Pillon conclude: “Il mio compito è far sentire a proprio agio chi entra nel dibattito in modo che possa esprimere le proprie ragioni secondo le proprie modalità. Quest’opera di mediazione ha portato per esempio a rivedere orari e modalità in modo da far sentire le persone più partecipi”.

LEGGI ANCHE: Milano si candida ad ospitare le partite degli Europei 2032

Leggi anche

Contentsads.com